Ricerca Corsi

Catalogo 2016

Il D.Lgs. 81/08 all’art. 37 richiama il datore di lavoro al dovere di informare e formare i propri collaboratori in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. L’art. 46 del medesimo decreto in particolare tratta il tema della prevenzione incendi e rimanda al Decreto Ministeriale del 10 marzo 1998, che richiama il datore di lavoro ad adottare misure tra le quali l’informazione e la formazione antincendio.

Obiettivi Formativi: 

Il corso si propone di assolvere all’obbligo imposto al datore di lavoro per la formazione degli addetti antincendio (artt. 37, 46 D.Lgs. 81/08). In particolare il corso è finalizzato a trasmettere le conoscenze relative alle  procedure e agli interventi per la prevenzione incendi, alla protezione antincendio, alle procedure da adottare in caso di incendio.

Programma: 

Primo giorno
• Incendi e prevenzione incendi:
- principi sulla combustione
- principali cause di incendio in relazione allo specifico ambiente di lavoro
- sostanze estinguenti
- rischi alle persone e all’ambiente
- specifiche misure di prevenzione incendi
- importanza del controllo degli ambienti di lavoro
- importanza delle verifiche e delle manutenzioni sui presidi antincendio
• Protezione antincendio:
- misure di protezione passiva
- attrezzature e impianti di estinzione
- sistemi di allarme
- segnaletica di sicurezza
- impianti elettrici di sicurezza
- illuminazione di sicurezza
Secondo giorno
• Procedure da adottare in caso di incendio:
- procedure da adottare quando si scopre un incendio
- procedure da adottare in caso di allarme
- modalità di evacuazione
- modalità di chiamata dei soccorsi
- collaborazione con i vigili del fuoco in caso di intervento
- esemplificazione di una situazione di emergenza e modalità procedurali operative
• Esercitazioni pratiche
- presa visione e chiarimenti sulle principali attrezzature e impianti di spegnimento
- presa visione sulle attrezzature di protezione individuale
- esercitazioni sull’uso delle attrezzature di spegnimento e di protezione individuale
• Compilazione del questionario

Destinatari: 

Addetti antincendio

Durata: 

16 ore

Quota di iscrizione: 

350,00

Obiettivi Formativi: 
Aumentare e stimolare la competenza didattica dell’Assistente di Tirocinio portandolo a una capacità di utilizzo di metodologie di insegnamento e strumenti di valutazione in grado di rispondere alle richieste dello studente infermiere.
Programma: 
Tra le metodologie didattiche utilizzate per lo sviluppo dei contenuti sono state utilizzate per la parte teorica la “lezione/discussione” per la parte più operativa “lavori in piccoli gruppi”; gli strumenti didattici utilizzati dai relatori durante gli incontri saranno di natura informatica (computer-videoproiettore), arricchiti dalle slide che sverranno fornite in formato dispensa ai corsisti.
Destinatari: 

Tutte le professioni sanitarie

Durata: 

25 ore

Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) è istituito a livello territoriale o di comparto, aziendale e di sito produttivo. Nella stragrande maggioranza dei casi si tratta di un lavoratore eletto dagli altri lavoratori o designato dalle organizzazioni sindacali.

Obiettivi Formativi: 
Il corso si propone di formare i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza ai sensi dell’art. 37, comma 10 del D.Lgs. 81/08, in materia di salute e sicurezza rispetto ai rischi specifici esistenti negli ambiti in cui ciascuno esercita la propria rappresentanza, al fine di fornire adeguate competenze sulle principali tecniche di
controllo e prevenzione dei rischi stessi.
Programma: 
Primo giorno
• Cenni civilistici e costituzionali in tema di sicurezza sul lavoro; normative in materia di sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro
• Dal D.P.R. 547/55 al D.Lgs. 81/08
• Principali direttive europee
• Sistema pubblico della prevenzione
• Vigilanza e controllo
• Sistema delle prescrizioni e delle sanzioni
• Omologazioni e verifiche periodiche
• Principali soggetti previsti dal D.Lgs. 81/08
• Compiti, obblighi, responsabilità dei principali soggetti
• Ruolo e funzioni con particolare riferimento alla figura del RLS
• Informazione, formazione e addestramento dei lavoratori
• Dibattito/esercitazione
Secondo giorno
• Classificazione dei rischi in relazione alla normativa,
principali aspetti dei seguenti rischi (I parte):
- Dispositivi di Protezione Individuali (DPI) scelta e uso
- rischio biologico
- rischio movimentazione carichi National Institute for Occupational Safety Health (NIOSH), Movimentazione Manuale dei Pazienti in Ospedale (MAPO) e movimenti ripetuti
• Concetti di pericolo - probabilità /danno - rischio
- prevenzione
• Individuazione delle misure (tecniche, organizzative e procedurali) di prevenzione e protezione
• Utilizzo del sistema a matrici per la quantificazione del rischio
• Classificazione dei rischi in relazione alla normativa, principali aspetti dei seguenti rischi (II parte):
- rischio da ambienti di lavoro
- rischio elettrico
- rischio meccanico, macchine e attrezzature, rischio infortunistico
- rischio chimico/cancerogeno/amianto
• Dibattito/esercitazione
Terzo giorno
• Gestione emergenze elementari
• Addetti alle emergenze in genere (formazione specifica)
• Esempio di rischio incendio in un comparto produttivo
• Segnaletica di sicurezza
• Piano emergenza incendio
• Individuazione delle misure di prevenzione e protezione (tecniche organizzative, procedurali)
• Sistema di gestione
• Classificazione dei rischi in relazione alla normativa, principali aspetti dei seguenti rischi (III parte):
- rischio rumore/vibrazioni e campi elettromagnetici
- rischio da radiazioni ionizzanti e non ionizzanti, altri rischi fisici
- microclima/illuminazione
• Dibattito/esercitazione
Quarto giorno
• Sorveglianza sanitaria
• Malattie professionali nel comparto sanità e in altri
• Gestione giudizi di idoneità - registri degli esposti e loro tenuta
• Nozioni di primo soccorso: cosa fare e cosa non fare
• Rischio da stress lavoro-correlato
• Nozioni di tecniche della comunicazione
• Dibattito/esercitazione
• Verifica di apprendimento in relazione ai temi riguardanti i rischi specifici
Destinatari: 

RLS

Durata: 

8 ore

Quota di iscrizione: 

120,00

Specifiche norme dell’Unione Europea stabiliscono i principi generali delle radiazioni di soggetti sottoposti a esposizioni radianti per indagini di carattere medico. A tal fine è stato pubblicato in Italia il D.Lgs. 187/2000. I principali cardini della radioprotezione sono i seguenti:
• giustificazione dell’indagine
• ottimizzazione del punto di vista tecnico
• limitazione delle dosi.
Obiettivi Formativi: 
Il corso si propone di migliorare le conoscenze radioprotezionistiche dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica coinvolti nell’impiego di radiazioni ionizzanti, al fine specifico di proteggere adeguatamente le persone sottoposte a prestazioni curative o indagini diagnostiche, individuali e collettive, che implichino l’uso di tali radiazioni.
Programma: 
I tecnici seguiranno il corso relativo al modulo più attinente alle attività effettivamente svolte. Per coloro che prestano servizio in radiologia vale l’aggiornamento per medici radiologi; per coloro che prestano servizio in radioterapia vale l’aggiornamento per radioterapisti; per coloro che effettuano attività radiodiagnostiche omplementari all’esercizio clinico seguiranno l’aggiornamento per alte dosi o basse dosi o odontoiatria.
Destinatari: 

Tecnici Sanitari di Radiologia Medica

Durata: 

4/6 ore

Quota di iscrizione: 

100,00/120,00

Specifiche norme dell’Unione Europea stabiliscono i principi generali delle radiazioni di soggetti sottoposti a esposizioni radianti per indagini di carattere medico. A tal fine è stato pubblicato in Italia il D.Lgs. 187 del 2000. I principali cardini della radioprotezione sono i seguenti:
• giustificazione dell’indagine
• ottimizzazione del punto di vista tecnico
• limitazione delle dosi.
Obiettivi Formativi: 

Il corso si propone di migliorare le conoscenze radioprotezionistiche dei medici che saltuariamente sono
coinvolti nell’impiego di radiazioni ionizzanti, al fine specifico di proteggere adeguatamente le persone sottoposte a prestazioni curative o indagini diagnostiche, individuali e collettive, che implichino l’uso di tali radiazioni.

Programma: 
AREA ATTIVITÀ RADIOLOGICHE
COMPLEMENTARI AD ALTE DOSI -
CARDIOLOGIA/EMODINAMICA
• Richiamo degli elementi fondamentali di radioprotezione del paziente: appropriatezza, ottimizzazione, sistema di responsabilità
• Radioprotezione del paziente nell’attività cardiologiche e di emodinamica
• Discussione e compilazione questionario
AREA ATTIVITÀ RADIOLOGICHE
COMPLEMENTARI A BASSE DOSI
• Richiamo degli elementi fondamentali di radioprotezione del paziente: appropriatezza, ottimizzazione, sistema di responsabilità
• Radioprotezione del paziente nelle attività radiologiche complementari con fluoroscopia pulsata e impiego di sistemi digitali
• Discussione e compilazione questionario
AREA ATTIVITÀ RADIOLOGICHE
COMPLEMENTARI IN ODONTOIATRIA
• Il dentista/odontoiatra come prescrittore: appropriatezza e dosi assorbite dal paziente 
• Il dentista/odontoiatra come specialista: appropriatezza, ottimizzazione, sistema di responsabilità
• Controlli di qualità e comparazione dosimetriche nelle apparecchiature radiologiche digitali impiegate in ambito odontoiatrico
• Radioprotezione del paziente nell’impiego delle nuove tecnologie
• Controllo di qualità degli apparecchi RX digitali
• Controlli di qualità dell’imaging digitale
• Discussione e compilazione questionario
Destinatari: 

Medici che svolgono attività complementari

Durata: 

4 ore

Quota di iscrizione: 

100,00

L’insufficienza respiratoria è una forma acuta che si manifesta in corso di diverse malattie e può comparire in una forma acuta più grave o in forma cronica. Questa grande variabilità nella gravità delle varie patologie ne rende difficile il trattamento e impone un approccio multidisciplinare.
Obiettivi Formativi: 

Il corso si propone di:
• formare il personale sanitario a una corretta gestione del paziente
• aggiornare il personale sanitario sulle strategie terapeutiche

Programma: 

• Anatomia e fisiopatologia
• Diagnosi e trattamento del paziente affetto da insufficienza respiratoria
•Discussione e compilazione questionario

Destinatari: 

Tutte le professioni sanitarie

Durata: 

4 ore

Quota di iscrizione: 

50,00

L’esercizio della professione medica esige oggi una puntuale e aggiornata preparazione in campo giuridico che consenta al professionista sanitario di operare con modalità adeguate e di interagire in maniera efficace con gli utenti e le strutture sanitarie onde ridurre il rischio di eventi avversi derivanti dall’attività medica. L’intervento
Obiettivi Formativi: 

Il corso si propone di:
• informare il professionista sanitario sui risvolti penali della propria responsabilità professionale, quale materia complessa e variabile nel tempo, soggetto a sviluppi non sempre chiari e lineari, influenzati da temi di grande impatto come l’etica, la deontologia (si veda il Nuovo Codice deontologico medico del maggio 2014) e il risk management

Programma: 

• Principi di responsabilità penale e nuovi orientamenti
giurisprudenziali
• Le varie fattispecie di illecito penale
• Reato commissivo e omissivo
• La documentazione dell’attività sanitaria
• Aggiornamenti su consenso informato, nesso causale in medicina, profili di imputazione soggettiva, funzione delle leges artis e profili della responsabilità del medico secondo il cosiddetto “Decreto Balduzzi”                 (Legge 89/2012)
• Discussione e compilazione questionario

Destinatari: 

Medici

Durata: 

4 ore

Obiettivi Formativi: 

Il corso si propone di:
• conoscere gli elementi costitutivi delle diverse forme di responsabilità professionale degli operatori dell’équipe operatoria alla luce dell’entrata in vigore del Decreto Balduzzi (Legge 189/2012)

Programma: 

• La responsabilità dell’équipe in sala operatoria
in relazione alle figure professionali coinvolte
mediche e infermieristiche
• La responsabilità civile e penale per il lavoro di
équipe: dal principio gerarchico del capo
équipe al principio dell’affidamento
• Manuale per la sicurezza in sala operatoria
del Ministero della Salute
• L’inosservanza di linee guida e buone pratiche:
quali conseguenze per il sanitario che opera in
gruppo
• Orientamenti giurisprudenziali e analisi recente
casistica
• Discussione e compilazione questionario

Destinatari: 

Tutte le professioni sanitarie

Durata: 

4 ore

Quota di iscrizione: 

50,00

L’insufficienza renale cronica (IRC) può essere provocata da una qualsiasi importante causa di disfunzione renale. La causa più comune di insufficienza renale terminale è la nefropatia diabetica, seguita dalla nefroangiosclerosi ipertensiva e da diverse glomerulopatie primarie e secondarie.
Saper gestire in corsia pazienti con insufficienza renale cronica è fondamentale poiché tale condizione patologica si presenta spesso in associazione ad altre situazioni cliniche.
Obiettivi Formativi: 

Il corso permette di:
• approfondire le conoscenze specialistiche in ambito nefrologico al fine di gestire e assistere i malati nefropatici sia nelle corsie di degenza sia nelle Unità ad elevata complessità assistenziale

Programma: 

• L’insufficienza renale cronica e la terapia conservativa
• Assistenza al paziente con IRC in corsia
• Discussione di casi clinici e compilazione questionario

Destinatari: 

Infermieri

Durata: 

4 ore

Quota di iscrizione: 

50,00

Le infezioni ospedaliere rappresentano un elemento importante per la definizione della qualità dell’assistenza e continuano a costituire un’importante causa di morbosità, mortalità e costi prevenibili per il Sistema Sanitario.

Obiettivi Formativi: 

Il corso permette di acquisire le competenze per:
• migliorare le conoscenze, degli operatori, attraverso l’aggiornamento sulle infezioni nosocomiali
• migliorare la prevenzione delle infezioni ospedaliere nella pratica clinica e assistenziale
• illustrare le indicazioni operative apportate dal Decreto DGS Regione Lombardia N°1127 del 14/02/2014 sulle principali misure da adottare nella pratica clinica ed assistenziale per il controllo delle infezioni correlate all’assistenza causate da CPE.

Programma: 

• Definizione di infezioni ospedaliere, comunitarie e correlate all’assistenza
• Sorgenti fonti e fattori di rischio
• Sistemi di rilevazione e monitoraggio: la sorveglianza attraverso il monitoraggio
• Linee Guida CDC Atlanta
• Linee Guida OMS (Clean Care is Safer Care)
• Linee Guida del 14/2/2014: documento di indirizzo per il controllo della diffusione delle infezioni da Enterobacteriaceae produttrici di carbapenemasi (CPE)
• Promozione dell’igiene delle mani come principale misura per ridurre le infezioni correlate all’assistenza: acquisizione abilità nelle tecniche per l’igiene e l’antisepsi delle mani
• Discussione e compilazione questionario

Destinatari: 

Tutte le professioni sanitarie

Durata: 

4 ore

Quota di iscrizione: 

50,00

Condividi contenuti