Ricerca Corsi

Catalogo 2016

Il ritardo mentale è una condizione clinica disabilitante, presente in diversi disturbi mentali sia come sintomo principale, sia come sintomo secondario. I segni della patologia possono manifestarsi a partire dall’infanzia, ma anche più tardi nella vita, come nell’adolescenza, per le psicosi.
Obiettivi Formativi: 

Il corso si propone di:
• fornire informazioni chiare e corrette riguardanti il ritardo mentale nelle sue diverse forme psicopatologiche
• illustrare gli strumenti con i quali avviene la valutazione psicologica dell’intelligenza

Programma: 

Definizione e strumenti di misurazione dell’intelligenza
• Definizione, cause e conseguenze del ritardo mentale
• Il ritardo mentale nelle diverse manifestazioni psicopatologiche
• Discussione e compilazione questionario

Destinatari: 

Tutte le professioni sanitarie

Durata: 

4 ore

Quota di iscrizione: 

50,00

Le infezioni ospedaliere rappresentano un elemento importante per la definizione della qualità dell’assistenza e continuano a costituire un’importante causa di morbosità, mortalità e costi prevenibili per il Sistema Sanitario. Nonostante la riduzione della durata e del numero di ricoveri e le ampie conoscenze disponibili in materia, in termini sia di fattori di rischio, sia di metodi appropriati di prevenzione, la frequenza delle infezioni ospedaliere non è generalmente in declino.

Obiettivi Formativi: 

Il corso permette di:
- migliorare le conoscenze degli operatori attraverso l'aggiornamento sulle infezioni nosocomiali
- migliorare la prevenzione delle ICA nella pratica medica e infermieristica
- promuovere la sanificazione ambientale come primo strumento utile per la prevenzione delle ICA

Programma: 
- Il concetto di rischio infettivo
- Definizione di infezioni ospedaliere, comunitarie e correlate all'assistenza
- Sorgenti, fonti e fattori di rischio
- Sistemi di rilevazione e monitoraggio: la sorveglianza attraverso il monitoraggio
- Gestione delle epidemie
- Epidemiologia delle ICA
- Promozione dell'applicazione delle precauzioni standard e delle precauzioni specifiche: le precauzioni standard, da contatto, aeree e droplets
- Promozione dell'igiene delle mani come principale misura per ridurre le infezioni correlate all'assistenza:
- Linee Guida CDC Atlanta
- Linee Guida OMS (Clean Care is Safer Care)
- Acquisizione abilità nelle tecniche per l'igiene e l'antisepsi delle mani
- Procedura di igiene delle mani secondo le nuove indicazioni OMS: i 5 momenti fondamentali per l'igiene delle mani
- Definizione di pulizia/decontaminazione, detersione, disinfezione
- Il protocollo di sanificazione ambientale di gruppo: commento
- Discussione e compilazione questionario
Destinatari: 

Tutte le professioni sanitarie

Durata: 

4 ore

Quota di iscrizione: 

50,00

Di grande importanza nella fase iniziale del trattamento dialitico è l’introduzione di un programma dietetico. Il personale infermieristico di dialisi ha il compito, in collaborazione con la dietista, di promuovere un’attività educativa e di counseling rivolta al paziente, ai familiari e in un momento successivo monitorare la compliance del paziente. Con l’inizio del trattamento dialitico il paziente deve cambiare talvolta anche drasticamente le

Obiettivi Formativi: 

Il corso permette di formare il personale infermieristico affinché:
• sia in grado di aumentare la consapevolezza nel malato nefropatico circa la necessità di una modifica sostanziale delle proprie abitudini di vita
• gestisca correttamente la terapia farmacologica nel paziente dializzato
• sappia effettuare educazione terapeutica al paziente con IRC in terapia dialitica oltre che supportarlo psicologicamente anche durante una seduta dialitica

Programma: 

• La dieta nella IRC e dialisi
• La terapia farmacologica nella IRC
• Il trapianto renale
• L’educazione terapeutica nel paziente dializzato
• La qualità di vita e il supporto psicologico del dializzato
• Discussione e compilazione questionario

Destinatari: 

Infermieri

Durata: 

4

Quota di iscrizione: 

50,00

Il concetto di ventilazione meccanica non invasiva (NIV) si riferisce alla capacità di fornire un supporto ventilatorio attraverso le vie aeree superiori del paziente, utilizzando maschere o altri devices. La tecnica si distingue da quelle che bypassano le vie aeree, attraverso il posizionamento di un tubo tracheale, maschera laringea, o tracheotomia e che, pertanto, sono considerate invasive.

Obiettivi Formativi: 

Il corso si propone di:
• fornire conoscenze sulla gestione della ventilazione meccanica non invasiva, le sue indicazioni e controindicazioni e il trattamento delle complicanze

Programma: 

• Riconoscimento dei segni e sintomi dell’Insufficienza Respiratoria Acuta
• Posizionamento del paziente
• CPAP - BIPAP: funzioni e posizionamento
• Controllo dei parametri vitali durante la ventilazione
• Gestione igienica dei dispositivi medici e delle attrezzature utilizzate per la ventilazione: utilizzo della valvola di Boussignac
• Assistenza infermieristica al paziente con insufficienza respiratoria
• Discussione e compilazione questionario

Destinatari: 

Medici Infermieri

Durata: 

4

Quota di iscrizione: 

50,00

La menopausa

Obiettivi Formativi: 

Il corso si propone di:
- fornire informazioni attuali sulla menopausa e i cambiamenti che avvengono in questo periodo della vita delle donne
- formare gli operatori sanitari affinche' sappiano gestire e dare consigli utili in funzione dei fattori individuali, culturali, sociali e economici
dei pazienti da assistere, considerando l'importanza dell'impatto psicologico della menopausa sulla donna stessa

Programma: 

- La menopausa e la qualita' della vita
- Principali cambiamenti
- L'alimentazione e attivita' fisica
- Le terapie ormonali
- Discussione e compilazione questionario

Destinatari: 

Tutte le professioni sanitarie

Durata: 

4

Quota di iscrizione: 

50,00

La risorsa “sangue” è limitata e preziosa. Rappresenta la materia principale della medicina trasfusionale, che si basa essenzialmente sull’infusione del sangue, dei suoi componenti e dei suoi derivati a scopo terapeutico secondo regole di appropriatezza e linee guida ben definite. La donazione e, quindi, il sangue e i suoi componenti sono una risorsa esauribile, deperibile e costosa e nel contempo rappresentano un presidio terapeutico insostituibile per la medicina trasfusionale, non esente da rischi.

Obiettivi Formativi: 

Il corso si propone di:
• approfondire le conoscenze del personale sanitario sulla corretta gestione del sangue e degli emoderivati
• aggiornare gli operatori sulla responsabilità penale/personale derivante dagli errori effettuati durante le varie fasi del processo di gestione degli emoderivati

Programma: 

• Presentazione linee guida regionali
• Gestione interna degli emoderivati (con simulazioni tramite modulistica apposita)
• Procedura di identificazione degli anticorpi in TS (sacche omologhe)
• La responsabilità trasfusionale
• Discussione e compilazione questionario

Destinatari: 

Tutte le professioni sanitarie

Durata: 

4

Quota di iscrizione: 

50,00

La tubercolosi (TB) rappresenta un rischio riemergente, ed è stato indicato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) come grave problema di sanità pubblica a livello mondiale già dal 1993. In Italia, l’incidenza di TB negli ultimi anni è stata inferiore a 10 casi di malattia/ 100.000 abitanti, soglia entro la quale un Paese è definito dall’OMS come a bassa incidenza. Tra i soggetti più a rischio di contrarre la tubercolosi figurano anche gli operatori sanitari.

Obiettivi Formativi: 

Il corso si propone di:
• formare il personale sanitario affinché conoscale recenti procedure ministeriali e quelle a uso interno da adottare al fine di tutelarsi da una eventuale esposizione batterica
• prevenire la trasmissione della malattia tra gli operatori sanitari

Programma: 

• Infezione tubercolare acuta e latente
• Vie di trasmissione
• Diagnosi e terapia
• Misure di prevenzione e controllo della trasmissione della malattia
• Valutazione del rischio
• Sorveglianza sanitaria nell’operatore sanitario
• Test e vaccinazione
• Informazioni sul controllo sanitario/follow up dell’operatore esposto
• Discussione e compilazione questionario

Destinatari: 

Tutte le professioni sanitarie

Durata: 

4

Quota di iscrizione: 

70,00

Il D.Lgs. 230/95, all’art. 61 comma e), obbliga il datore di lavoro, i dirigenti e i preposti a formare e informare i dipendenti sulla radioprotezione e sulle misure di sicurezza e prevenzione necessarie a ridurre l’esposizione a radiazioni ionizzanti
Obiettivi Formativi: 
Il corso proposto consente al partecipante, per lo
svolgimento della specifica attività lavorativa, di:
• conoscere le misure necessarie atte a prevenire l’assorbimento delle radiazioni ionizzanti, per sé e per gli altri operatori
• conoscere e utilizzare in modo appropriato la modulistica del settore
• conoscere i rischi sanitari dovuti alle esposizioni a radiazioni ionizzanti
• partecipare ai programmi di garanzia della qualità del servizio
• possedere le conoscenze necessarie per interpretare l’efficienza degli impianti
Programma: 
• Radiazioni ionizzanti e grandezze usate in radioprotezione
• Effetti delle radiazioni ionizzanti
• D.Lgs. 230/95 e successive modificazioni e integrazioni
• Principi fondamentali della radioprotezione
• Esempi pratici di applicazione
• Radon: valutazione del rischio e atti conseguenti
• Discussione e compilazione questionario
Destinatari: 

Tutti i lavoratori esposti al rischio

Durata: 

4 ore

Quota di iscrizione: 

100,00

Specifiche norme dell’Unione Europea stabiliscono i principi generali in materia di protezione sanitaria del paziente contro i pericoli delle radiazioni ionizzanti connesse alle esposizioni mediche.

Obiettivi Formativi: 

Il corso si propone di migliorare le conoscenze radioprotezionistiche dei medici che saltuariamente sono coinvolti nell'impiego di radiazioni ionizzanti, al fine specifico di proteggere adeguatamente le persone sottoposte a prestazioni curative o indagini diagnostiche, individuali e collettive, che implichino l'uso di tali radiazioni.

Programma: 

- Rischi da radiazione e dosimetria - Radioprotezione - Pratiche radiologiche che richiedono speciale attenzione - Gestione del paziente e sua radioprotezione - Radiodiagnostica 1 (raggi x, elementi di tecnica radiologica, scelta e uso di apparecchiature per radiodiagnostica) - Radiodiagnostica 2 (dosimetria e fattori che influenzano le dosi di radiazione) - Radiodiagnostica 3 (assicurazione e controllo di qualita' e qualita' dell'immagine in rapporto alla dose) - Discussione e compilazione questionario

Destinatari: 

Medici che svolgono attivita' complementari

Durata: 

8

Quota di iscrizione: 

120,00

In ambito di U.E. si rilevano statistiche secondo cui il 30% della forza lavoro accusa o ha accusato dolori alla schiena (rachide) e dolori agli arti superiori e inferiori correlati alla movimentazione manuale di carichi. Il costo della sicurezza per infortuni e malattie professionali corrisponde al 4% del PIL in ambito U.E. (all’incirca il bilancio annuale di uno stato membro dell’Unione).

Obiettivi Formativi: 
Il corso si propone di assolvere all'obbligo di formazione imposto al datore di lavoro per la formazione sulla sicurezza e salute negli ambienti di lavoro (artt. 36, 37 e 169, D.Lgs. 81/08). In particolare il corso e' finalizzato a mostrare le attrezzature e le tecniche adeguate in merito alle corrette manovre e procedure da adottare nella movimentazione manuale dei carichi.
Programma: 

- Consigli per una corretta movimentazione manuale dei carichi
- Gli ausili
- Movimentazione manuale dei pazienti: attività pratica

Destinatari: 

Tutti i lavoratori esposti al rischio

Durata: 

4

Quota di iscrizione: 

100,00

Condividi contenuti