Ricerca Corsi

4

In ambito di U.E. si rilevano statistiche secondo cui il 30% della forza lavoro accusa o ha accusato dolori alla schiena (rachide) e dolori agli arti superiori ed inferiori correlati alla movimentazione manuale di carichi.
Nella movimentazione di un carico, tra cui si può comprendere anche il paziente non autosufficiente di struttura sanitaria, agire da soli compiendo movimenti non corretti può essere pericoloso per il rachide, nonché a seconda della tipologia di movimento, degli arti superiori e/o inferiori.

Obiettivi Formativi: 

Il personale coinvolto in attività relative alle manovre di movimentazione manuale dei carichi necessita un periodico aggiornamento in modo da rinfrescare le nozioni teoriche e riapprocciarsi in maniera corretta all’esecuzione pratica.

Programma: 
  • Consigli per una corretta movimentazione manuale dei carichi
  • Gli ausili
  • La movimentazione manuale dei carichi: attività pratica
  • Discussione e compilazione del questionario
Destinatari: 

Tutti i lavoratori esposti al rischio

Durata: 

4 ore

Quota di iscrizione: 

100,00

La farmacologia è una branca della medicina che studia la composizione, le azioni, l'assorbimento, il metabolismo e l'escrezione di sostanze chimiche introdotte negli organismi viventi. E' ovvio che le prescrezioni vengono eseguite dai medici, tuttavia i progressi di questi ultimi anni hanno consentito la messa a punto di trattamenti sempre più efficaci, ma anche sempre più impegnativi, sopratutto per gli infermieri.

Obiettivi Formativi: 

Il corso si propone di formare gli operatori sanitari affinché conoscano le azioni farmacologiche, le indicazioni, le modalità di somministrazione, gli effetti collaterali dei principali farmaci utilizzati in emergenza e i controlli da effettuare sui pazienti in terapia.

Programma: 
  • Farmacologia e farmacodinamica
  • Principali farmaci in emergenza
  • Azioni farmacologiche
  • Indicazioni terapeutiche 
  • Modalità di preparazione e vie di somministrazione
  • Effetti collaterali e monitoraggio del paziente
  • Analisi di casi clinici
  • Discussione e compilazione questionario
Destinatari: 

Infermieri

Durata: 

4 ore

Quota di iscrizione: 

50,00

Il D.Lgs. 230/95, all’art. 61 comma e), obbliga il datore di lavoro, i dirigenti e i preposti a formare ed informare i dipendenti sulla radioprotezione e sulle misure di sicurezza e prevenzione necessarie a ridurre l’esposizione a radiazioni ionizzanti.

Obiettivi Formativi: 

Il corso proposto consente al partecipante, per lo svolgimento della specifica attività lavorativa, di:
• Conoscere le misure necessarie atte a prevenire l’assorbimento delle radiazioni ionizzanti, per sé e per gli altri operatori
• Conoscere e utilizzare in modo appropriato la modulistica del settore
• Conoscere i rischi sanitari dovuti alle esposizioni a radiazioni ionizzanti
• Partecipare ai programmi di garanzia della qualità del servizio
• Possedere le conoscenze necessarie per interpretare l’efficienza degli impianti

Programma: 
  • Radiazioni ionizzanti e grandezze usate in radioprotezione
  • Effetti delle radiazioni ionizzanti
  • D.Lgs. 230/95 e successive modificazioni e integrazioni
  • Principi fondamentali della radioprotezione
  • Esempi pratici di applicazione
  • Radon: valutazione del rischio e atti conseguenti
  • Discussione e compilazione del questionario
Destinatari: 

Tutte i lavoratori esposti al rischio

Durata: 

4 ore

Quota di iscrizione: 

100,00

La tubercolosi (TB) rappresenta un rischio riemergente, ed è stato indicato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) come grave problema di sanità pubblica a livello mondiale già dal 1993. In Italia, l’incidenza di TB negli ultimi anni è stata inferiore a 10 casi di malattia/ 100.000 abitanti, soglia entro la quale un Paese è definito dall’OMS come a bassa incidenza. Tra i soggetti più a rischio di contrarre la tubercolosi, figurano anche gli operatori sanitari.

Obiettivi Formativi: 

Il corso si propone di:
• formare il personale sanitario affinché conosca le procedure ministeriali e quelle a uso interno da adottare al fine di tutelarsi da una eventuale esposizione batterica
• prevenire la trasmissione della malattia tra gli operatori sanitari

Programma: 

- Infezione tubercolare acuta e latente
- Vie di trasmissione
- Diagnosi e terapia
- Misure di prevenzione e controllo della trasmissione della malattia
- Valutazione del rischio
- Sorveglianza sanitaria nell’operatore sanitario
- Test e vaccinazione
- Informazioni sul controllo sanitario/follow up dell’operatore esposto

Destinatari: 

Tutte le professioni sanitarie

Durata: 

4 ore

Quota di iscrizione: 

70,00 euro

Con la legge n. 219 del 2017 è entrato in vigore in Italia il cd. Testamento biologico.  Molti sono i casi che hanno scosso e diviso l’opinione pubblica italiana, casi che generano una riflessione sulla precarietà della salute di ognuno e sulla necessità di esercitare il proprio diritto all’autodeterminazione terapeutica sancito nell’art. 32 della Costituzione.  

Obiettivi Formativi: 

Il corso si propone di:
• illustrare la nuova normativa (Legge n. 219 del 2017), entrata in vigore il 31 gennaio 2018, avente ad oggetto “norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento”
• fornire ai partecipanti le necessarie conoscenze giuridiche per affrontare con competenza il tema del consenso informato, della autodeterminazione del paziente e delle DAT, disposizioni anticipate di trattamento, con le quali le persone possono dare indicazioni sui trattamenti sanitari da ricevere o da rifiutare nei casi in cui si trovassero in condizioni di incapacità.

Programma: 

IL CONSENSO INFORMATO nella carta costituzionale e nella nuova legge. La forma del consenso, la revoca dello stesso  ed il rifiuto di cure. Contenuto delle disposizione anticipate e la figura del fiduciario. 
Analisi di alcuni modelli di DAT e casi giurisprudenziali.  

Destinatari: 

Medici
Infermieri

Durata: 

4 ore

Quota di iscrizione: 

50,00 euro

Il Testo Unico sulla salute e sicurezza negli ambienti di lavoro (D. Lgs. 81/2008, già modificato dal D. Lgs. 106/2009), ha confermato aspetti del precedente decreto 626/1994 rispetto alla formazione del personale introducendo nuovi e più cogenti obblighi per tutti gli attori della prevenzione: dal datore di lavoro ai lavoratori.

Obiettivi Formativi: 

Il personale coinvolto in attività a rischio di contaminazione chimica e/o biologica necessita un periodico aggiornamento in modo da rinfrescare le nozioni teoriche.

Programma: 

Il Rischio chimico
- Cosa prevede il D.Lgs. 81/08 nonché vigenti normative internazionali sulle sostanze chimiche
- Gli agenti chimici e gli effetti sull’uomo
- La valutazione e il controllo dei livelli di esposizione
- La classificazione delle sostanze chimiche: etichettatura e indicazioni di sicurezza
- Le misure di protezione collettiva
- Caratteristiche degli ambienti di lavoro e relative condizioni microclimatiche con particolare attenzione altresì ai servizi igienico assistenziali e alle relative precauzioni di pulizia/sanificazione
- I rifiuti: modalità di raccolta, trattamento, smaltimento
- Piano di emergenza: cosa fare per evitare che si determini un’emergenza
Il Rischio Biologico
- Classificazione del rischio
- Le misure e cautele di prevenzione in relazione alla classe di rischio
- Le misure di protezione collettiva e igiene
- La sorveglianza sanitaria
- Caratteristiche degli ambienti di lavoro e relative condizioni microclimatiche con particolare attenzione altresì ai servizi igienico assistenziali e alle relative precauzioni di pulizia/sanificazione
- La valutazione del rischio di contaminazione biologica degli impianti idrici e di trattamento aria
- Discussione e compilazione del questionario

Destinatari: 

Tutti i lavoratori esposti al rischio.

Durata: 

4 ore

Quota di iscrizione: 

100,00 euro

Il datore di lavoro, in base alla natura dell’attività e delle dimensioni dell’azienda, deve prendere i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza, tenendo conto delle persone presenti sui luoghi di lavoro e stabilendo i necessari rapporti per il trasporto di lavoratori infortunati (art. 45 D.Lgs. 81/2008).

Obiettivi Formativi: 

Il corso intende aggiornare i partecipanti allo scopo di:
• acquisire conoscenze necessarie per saper allertare il sistema di soccorso
• riconoscere un’emergenza sanitaria
• attuare gli interventi di primo soccorso
• conoscere i rischi specifici dell’attività svolta
• acquisire capacità di intervento pratico

Programma: 

Modulo C

  • Acquisire capacità di intervento pratico:
  • Principali tecniche di comunicazione con il sistema di emergenza del S.S.N
  • Principali tecniche di primo soccorso nelle sindromi cerebrali acute
  • Principali tecniche di primo soccorso nella sindrome di insufficienza respiratoria acuta
  • Principali tecniche di rianimazione cardiopolmonare
  • Principali tecniche di tamponamento emorragico
  •  Principali tecniche di sollevamento, spostamento e trasporto del traumatizzato
  •  Principali tecniche di primo soccorso in caso di esposizione accidentale ad agenti chimici e biologici
  • Discussione e compilazione del questionario
Destinatari: 

Addetti al primo soccorso

Durata: 

4 ore

Quota di iscrizione: 

100,00

Nella pratica clinica quotidiana  il professionista sanitario, interfacciandosi con gli assistiti, deve mandatoriamente affrontare una questione imprescindibile, quale è quella della corretta acquisizione  di un consenso informato al trattamento che verrà posto  in essere nei confronti dell'utente medesimo.

Obiettivi Formativi: 

Il corso si propone di:

  • fornire agli infermieri le conoscenze etico-giuridico-deontologiche per l'acquisizione del consenso informato nella pratica assistenziale.
Programma: 
  • I principi giuridici del consenso informato 
  • L'autonomia della persona
  • Il consenso informato nella pratica assistenziale
  • Duscussione e compilazione del questionario
Destinatari: 

Infermieri

Durata: 

4 ore

Quota di iscrizione: 

50,00 euro

Secondo i dati dell' OMS aggiornati a gennaio 2018, le cadute sono la seconda causa di morte accidentale nel globo tanto da diventare uno dei maggiori problemi di Sanità Pubblica (ogni anno muoiono 646.000 persone come conseguenza di una caduta, più dell'80% si concentra nei Paesi con medio basso reddito come il Sud Est Asiatico). In particolare gli adulti con più di 65 anni di età subiscono il maggior numero di cadute (30% delle persone > o = 65 anni e il 50% di quelle > o = 80 anni).

Obiettivi Formativi: 

Il corso si propone di:
- far conoscere le nuove linee guida NICE
- permettere il corretto utilizzo delle linee guida per una maggiore incisività nella prevenzione delle cadute nell'anziano istituzionalizzato

Programma: 
  • La frequenza delle cadute degli anziani in italia
  • Dove cadono gli anziani
  • Le conseguenze delle cadute
  • Le cause delle cadute dell'anziano
  • Le condizioni funzionali che favoriscono le cadute degli anziani
  • I fattori di rischio delle cadute degli anziani
  • le nuove linee guida
  • Gli interventi e le strategie efficaci per prevenire il rischio di caduta
  • Riferimenti bibliografici
  • Discussione e compilazione del questionario
Destinatari: 

Tutte le professioni sanitarie

Durata: 

4 ore

Quota di iscrizione: 

50,00 euro

I gas medicinali sono prodotti medicinali rientranti nell'ambito delle norme farmaceutiche e pertanto soggetti alle procedure di approvvigionamento e di qualità dei prodotti medicinali (standard di purezza previsti dalle Monografie della Farmacopea Ufficiale).

Obiettivi Formativi: 

Il corso si propone di apprendere il corretto utilizzo delle fonti gas medicinali (ossigeno, aria compressa, protossido di azoto, aspirazione endocavitaria) e dell’evacuazione gas anestetici.
Comprendere le sorgenti gas medicinali e le tipologie di distribuzione ed erogazione al paziente, in quanto dispositivi medici presenti in tutte le strutture sanitarie.
Saper attuare procedure conformi alle normative per assicurare continua disponibilità di questi prodotti medicinali tramite impianti di distribuzione o bombole.

Programma: 
  • Inquadramento generale
  • Tipi di gas medicinali
  • Descrizione impianti gas medicinali e vuoto e sistema di evacuazione gas anestetici
  • Utilizzo dei gas e dispositivi medici
  • Alimentazioni di emergenza dei reparti
  • Movimentazione delle bombole
  • Misure di contenimento dei rischi
  • Attività di gestione operativa
Destinatari: 

Tutte le professioni

Durata: 

4 ore

Quota di iscrizione: 

50,00 euro

Condividi contenuti