Ricerca Corsi

Catalogo 2017

A settembre 2015 è stato emesso l’aggiornamento della norma UNI EN ISO 9001. Tutte le aziende certificate hanno 36 mesi dall’emissione per adeguare il proprio sistema di gestione della qualità alla nuova norma, in modo da ottenere la nuova certificazione. Il primo passo per tale adeguamento è la formazione del personale coinvolto nella gestione dei processi sulle novità introdotte.

Obiettivi Formativi: 

Il corso permette di acquisire le competenze per:
• individuare le novità introdotte dalla norma e gestire i processi di conseguenza
• utilizzare al meglio il ciclo PDCA (Plan-Do-Check-Act)
• convertire la logica gestionale al risk based thinking

Programma: 

• Il ciclo PDCA
• Il concetto di rischio e opportunità
• Il risk based thinking
• Mantenimento e conservazione delle informazioni
documentate
• Conoscenza organizzativa
• Centralità della leadership
• Discussione e compilazione questionario

Destinatari: 

Tutte le professioni

Durata: 

4 ore

Quota di iscrizione: 

50,00

Il corso si propone di fornire al personale sanitario nozioni sulle conoscenze fisiopatologiche che stanno alla base del dolore cronico sia benigno sia oncologico e sul suo inquadramento nosologico. Verranno illustrati i principali quadri clinici e le nuove terapie farmacologiche.

Obiettivi Formativi: 

Il corso si propone di:
• illustrare la fisiopatologia del dolore cronico
• far acquisire le conoscenze teoriche per la gestione del paziente portatore di dolore cronico sia benigno sia oncologico
• illustrare i principali quadri morbosi
• fornire competenze in merito a farmacologia e terapia

Programma: 

• Fisiopatologia del dolore cronico
• Conoscenze teoriche per la gestione del paziente portatore di dolore cronico sia benigno sia oncologico
• Principali quadri morbosi
• Farmacologia e terapia
• Discussione e compilazione questionario

Destinatari: 

Medici
Infermieri

Durata: 

4

Quota di iscrizione: 

50,00

Il corso si propone di fornire al personale sanitario nozioni sulle conoscenze fisiopatologiche che stanno alla base del dolore cronico sia benigno sia oncologico e sul suo inquadramento nosologico. Verranno illustrati i principali quadri clinici e le nuove terapie farmacologiche.

Obiettivi Formativi: 

Il corso si propone di:
• illustrare la fisiopatologia del dolore cronico
• far acquisire le conoscenze teoriche per la gestione del paziente portatore di dolore cronico sia benigno sia oncologico
• illustrare i principali quadri morbosi
• fornire competenze in merito a farmacologia e terapia

Programma: 

• Fisiopatologia del dolore cronico
• Conoscenze teoriche per la gestione del paziente portatore di dolore cronico sia benigno sia oncologico
• Principali quadri morbosi
• Farmacologia e terapia
• Discussione e compilazione questionario

Destinatari: 

Medici
Infermieri

Durata: 

4

Quota di iscrizione: 

50,00

Il corso si propone di affrontare i principi fisiopatologici dell’emodinamica cardiovascolare e approfondire la conoscenza e l’applicazione clinica dei principali strumenti di monitoraggio emodinamico al paziente. Verranno illustrate le implicazioni cliniche e terapeutiche dei principali quadri morbosi. Monitorare non significa soltanto “attaccare” un paziente a una macchina per visualizzarne i parametri vitali, ma si intende mettere in atto una serie di azioni che hanno come fine ultimo quello di valutare il paziente nel suo insieme.

Obiettivi Formativi: 

Il corso si propone di:
• addestrare alla corretta esecuzione dei principali sistemi di monitoraggio
• far acquisire le conoscenze teoriche del monitoraggio emodinamico
• far comprendere le indicazioni al monitoraggio
• far conoscere i principali quadri clinici emodinamici

Programma: 

• Note di fisiopatologia cardiovascolare
• Tecniche di monitoraggio - catetere di Swan Ganz e sue applicazioni
• Principali quadri morbosi di rilevanza emodinamica:
- shock
- shock settico
- sindrome da bassa portata
- cardiopatia ischemica
- cardiopatia valvolare
- cardiomiopatia ostruttiva
- cardiomiopatia dilatativa
•Discussione e compilazione questionario

Destinatari: 

Medici
Infermieri

Durata: 

4 ore

Quota di iscrizione: 

50,00

È sempre maggiore la necessità di accrescere la cultura della sicurezza del personale tecnico delle Imprese Installatrici del settore elettrico. La Norma CEI 11-48 contiene i principi di base e le prescrizioni minime per la sicurezza di attività di lavoro su impianti elettrici ad essi connesse e vicino ad essi.

Obiettivi Formativi: 

Scopo del corso è di fornire gli elementi di completamento alla preparazione del personale che svolge lavori elettrici, con particolare riguardo all'acquisizione delle necessarie conoscenze teoriche e delle modalità di organizzazione e conduzione dei lavori, anche con esempi descrittivi di lavori riconducibili a situazioni impiantistiche reali.

Programma: 

I GIORNATA

  •  Le protezioni contro il rischio elettrico

        - protezioni contro i contatti diretti e indiretti - definizioni
        - classificazione dei sistemi elettrici in base alla tensione
        - classificazione dei sistemi elettrici in relazione alla messa a terra
        - protezione contro i contatti diretti e indiretti
        - interruttori differenziali
        - protezione mediante bassissima tensione di sicurezza
        - impianto di terra

  •  Rischio infortunistico elettrico

       - elettrocuzione
       - incendio

  •  Impianti elettrici nei cantieri

       - fornitura dell'energia elettrica
       - quadri di distribuzione
       - condutture: cavi e avvolgicavo
       - prese e spine
       - ponteggi metallici

  •  Lavori in condizioni particolari

       - lavori in luoghi umidi od entro grandi masse metalliche
       - lavori in luoghi con pericolo d’incendio o  esplosione
       - lavori in quota
II GIORNATA

  •  Definizioni
  •  Le Distanze regolamentate
  •  Lavoro elettrico e rischio elettrico
  •  Figure ruoli e responsabilità ai sensi della norma CEI 11-27
  •  Principi generali di sicurezza
  •  La pianificazione del lavoro
  •  Lavoro elettrico fuori tensione
  •  Lavori sotto tensione sui sistemi di Categoria O e I
  •  Lavoro in prossimità
  •  Esercitazione pratica su simulatore
  •  Prova finale di apprendimento
Destinatari: 

Il corso si rivolge ai Datori di Lavoro delle Aziende installatrici di impianti elettrici o non
installatrici con personale elettrico interno, agli elettricisti e manutentori elettrici, ai Responsabili del Servizio di Prevenzione e Protezione, ai manutentori e a quanti svolgono un'attività per la quale è necessario eseguire lavori su impianti elettrici, sia fuori tensione sia sotto tensione, con tensione fino 1000 V in c.a. e 1000 V in c.c.

Durata: 

12 ore (4 + 8)

Quota di iscrizione: 

200,00

Il concetto di ventilazione meccanica non invasiva (NIV) si riferisce alla capacità di fornire un supporto ventilatorio attraverso le vie aeree superiori del paziente, utilizzando maschere o altri devices. La tecnica si distingue da quelle che bypassano le vie aeree, attraverso il posizionamento di un tubo tracheale, maschera laringea, o tracheotomia e che, pertanto, sono considerate invasive.

Obiettivi Formativi: 

Il corso si propone di:
• fornire conoscenze sulla gestione della ventilazione meccanica non invasiva, le sue indicazioni e controindicazioni e il trattamento delle complicanze.

Programma: 

• Riconoscimento dei segni e sintomi dell’Insufficienza Respiratoria Acuta
• Posizionamento del paziente
• CPAP - BIPAP: funzioni e posizionamento
• Controllo dei parametri vitali durante la ventilazione
• Gestione igienica dei dispositivi medici e delle attrezzature utilizzate per la ventilazione: utilizzo della valvola di Boussignac
• Assistenza infermieristica al paziente con insufficienza respiratoria
• Discussione e compilazione questionario

Destinatari: 

Medici
Infermieri

Durata: 

4 ore

Quota di iscrizione: 

50,00

I gas medicinali sono prodotti medicinali rientranti nell'ambito delle norme farmaceutiche e pertanto soggetti alle procedure di approvvigionamento e di qualità dei prodotti medicinali (standard di purezza previsti dalle Monografie della Farmacopea Ufficiale).

Obiettivi Formativi: 

Apprendere il corretto utilizzo delle fonti gas medicinali (ossigeno, aria compressa, protossido di azoto , aspirazione endocavitaria) e dell’evacuazione gas anestetici.
Comprendere le sorgenti gas medicinali e le tipologie di distribuzione ed erogazione al paziente, in quanto dispositivi medici presenti in tutte le strutture sanitarie.
Saper attuare procedure conformi alle normative per assicurare continua disponibilità di questi prodotti medicinali tramite impianti di distribuzione o bombole.

Programma: 

1 Inquadramento generale
2 Tipi di gas medicinali
3 Descrizione impianti gas medicinali e vuoto e sistema di
evacuazione gas anestetici
4 Utilizzo dei gas e dispositivi medici
5 Alimentazioni di emergenza dei reparti
6 Movimentazione delle bombole
7 Misure di contenimento dei rischi
8 Attività di gestione operativa

Destinatari: 

Manutentori

Durata: 

4 ore

Quota di iscrizione: 

100,00

Nell’ambito della prevenzione delle infezioni correlate alle pratiche assistenziali, la sterilizzazione dei dispositivi
medici è un elemento cardine dei programmi di controllo, tanto che la politica sanitaria deve mirare all’ottimizzazione delle risorse disponibili al fine di garantire il miglioramento continuo della qualità.
Per sterilizzazione si intende qualsiasi processo, fisico o chimico, che porta alla distruzione di tutte le forme di

Obiettivi Formativi: 

Il corso si propone di approfondire le seguenti tematiche:
- Conoscenze delle metodologie di sterilizzazione
- Definizione dei percorsi procedurali
- Individuazione dei processi da adottare per il trattamento dei Dispositivi Medici

Programma: 

- Aspetti normativi
- Concetti di Monouso e pluriuso
- Definizioni e terminologie
- Metodi di sterilizzazione (vapore, gas plasma, acido peracetico)
- Dalla decontaminazione alla sterilizzazione
- La tracciabilità dei processi
- Le procedure, i protocolli, le istruzioni operative per il personale addetto alla sterilizzazione dei DM
- La responsabilità, ruoli e compiti del personale che si occupa di sterilizzazione

Destinatari: 

Tutte le professioni sanitarie

Durata: 

4 ore

Quota di iscrizione: 

50,00

Nell’ambito della prevenzione delle infezioni correlate alle pratiche assistenziali, la sterilizzazione dei dispositivi
medici è un elemento cardine dei programmi di controllo, tanto che la politica sanitaria deve mirare all’ottimizzazione delle risorse disponibili al fine di garantire il miglioramento continuo della qualità.
Per sterilizzazione si intende qualsiasi processo, fisico o chimico, che porta alla distruzione di tutte le forme di

Obiettivi Formativi: 

Il corso si propone di approfondire le seguenti tematiche:
- Conoscenze delle metodologie di sterilizzazione
- Definizione dei percorsi procedurali
- Individuazione dei processi da adottare per il trattamento dei Dispositivi Medici

Programma: 

- Aspetti normativi
- Concetti di Monouso e pluriuso
- Definizioni e terminologie
- Metodi di sterilizzazione (vapore, gas plasma, acido peracetico)
- Dalla decontaminazione alla sterilizzazione
- La tracciabilità dei processi
- Le procedure, i protocolli, le istruzioni operative per il personale addetto alla sterilizzazione dei DM
- La responsabilità, ruoli e compiti del personale che si occupa di sterilizzazione

Destinatari: 

Tutte le professioni sanitarie

Durata: 

4 ore

Quota di iscrizione: 

50,00

Nell’ambito della prevenzione delle infezioni correlate alle pratiche assistenziali, la sterilizzazione dei dispositivi
medici è un elemento cardine dei programmi di controllo, tanto che la politica sanitaria deve mirare all’ottimizzazione delle risorse disponibili al fine di garantire il miglioramento continuo della qualità.
Per sterilizzazione si intende qualsiasi processo, fisico o chimico, che porta alla distruzione di tutte le forme di

Obiettivi Formativi: 

Il corso si propone di approfondire le seguenti tematiche:
- Conoscenze delle metodologie di sterilizzazione
- Definizione dei percorsi procedurali
- Individuazione dei processi da adottare per il trattamento dei Dispositivi Medici

Programma: 

- Aspetti normativi
- Concetti di Monouso e pluriuso
- Definizioni e terminologie
- Metodi di sterilizzazione (vapore, gas plasma, acido peracetico)
- Dalla decontaminazione alla sterilizzazione
- La tracciabilità dei processi
- Le procedure, i protocolli, le istruzioni operative per il personale addetto alla sterilizzazione dei DM
- La responsabilità, ruoli e compiti del personale che si occupa di sterilizzazione

Destinatari: 

Tutte le professioni sanitarie

Durata: 

4 ore

Quota di iscrizione: 

50,00

Condividi contenuti