Ricerca Corsi

8

Immagine: 
La chirurgia della spalla si è andata espandendo negli ultimi anni: è quindi in aumento la richiesta di adeguare i percorsi assistenziali e riabilitativi al miglioramento delle tecniche chirurgiche e alle maggiori richieste funzionali dei pazienti. È pertanto necessaria la formazione di tutto il team che si occupa del percorso, al fine di garantire la diffusione delle informazioni e la sinergia degli operatori (ortopedici, infermieri, fisiatri, fisioterapisti).
Immagine: 

Si rinnova anche quest'anno l'appuntamento con i congressi a tema ortopedico in collaborazione con S.I.C.P. (Società Italiana della Caviglia e del Piede).

Il percorso porterà ad analizzare le problematiche legate alla gestione dell'infortunio di caviglia e piede nello sportivo.

Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) è istituito a livello territoriale o di comparto, aziendale e di sito produttivo. Nella stragrande maggioranza dei casi si tratta di un lavoratore eletto dagli altri lavoratori o designato dalle organizzazioni sindacali.

Obiettivi Formativi: 
Il corso si propone di formare i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza ai sensi dell’art. 37, comma 10 del D.Lgs. 81/08, in materia di salute e sicurezza rispetto ai rischi specifici esistenti negli ambiti in cui ciascuno esercita la propria rappresentanza, al fine di fornire adeguate competenze sulle principali tecniche di
controllo e prevenzione dei rischi stessi.
Programma: 
Primo giorno
• Cenni civilistici e costituzionali in tema di sicurezza sul lavoro; normative in materia di sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro
• Dal D.P.R. 547/55 al D.Lgs. 81/08
• Principali direttive europee
• Sistema pubblico della prevenzione
• Vigilanza e controllo
• Sistema delle prescrizioni e delle sanzioni
• Omologazioni e verifiche periodiche
• Principali soggetti previsti dal D.Lgs. 81/08
• Compiti, obblighi, responsabilità dei principali soggetti
• Ruolo e funzioni con particolare riferimento alla figura del RLS
• Informazione, formazione e addestramento dei lavoratori
• Dibattito/esercitazione
Secondo giorno
• Classificazione dei rischi in relazione alla normativa,
principali aspetti dei seguenti rischi (I parte):
- Dispositivi di Protezione Individuali (DPI) scelta e uso
- rischio biologico
- rischio movimentazione carichi National Institute for Occupational Safety Health (NIOSH), Movimentazione Manuale dei Pazienti in Ospedale (MAPO) e movimenti ripetuti
• Concetti di pericolo - probabilità /danno - rischio
- prevenzione
• Individuazione delle misure (tecniche, organizzative e procedurali) di prevenzione e protezione
• Utilizzo del sistema a matrici per la quantificazione del rischio
• Classificazione dei rischi in relazione alla normativa, principali aspetti dei seguenti rischi (II parte):
- rischio da ambienti di lavoro
- rischio elettrico
- rischio meccanico, macchine e attrezzature, rischio infortunistico
- rischio chimico/cancerogeno/amianto
• Dibattito/esercitazione
Terzo giorno
• Gestione emergenze elementari
• Addetti alle emergenze in genere (formazione specifica)
• Esempio di rischio incendio in un comparto produttivo
• Segnaletica di sicurezza
• Piano emergenza incendio
• Individuazione delle misure di prevenzione e protezione (tecniche organizzative, procedurali)
• Sistema di gestione
• Classificazione dei rischi in relazione alla normativa, principali aspetti dei seguenti rischi (III parte):
- rischio rumore/vibrazioni e campi elettromagnetici
- rischio da radiazioni ionizzanti e non ionizzanti, altri rischi fisici
- microclima/illuminazione
• Dibattito/esercitazione
Quarto giorno
• Sorveglianza sanitaria
• Malattie professionali nel comparto sanità e in altri
• Gestione giudizi di idoneità - registri degli esposti e loro tenuta
• Nozioni di primo soccorso: cosa fare e cosa non fare
• Rischio da stress lavoro-correlato
• Nozioni di tecniche della comunicazione
• Dibattito/esercitazione
• Verifica di apprendimento in relazione ai temi riguardanti i rischi specifici
Destinatari: 

RLS

Durata: 

8 ore

Quota di iscrizione: 

120,00

La patologia cardiaca provoca tra 50.000 e 70.000 decessi all’anno e, secondo recenti statistiche, in Italia una persona su mille muore per arresto cardiaco. La tempestività nel soccorso aumenta del 30% la percentuale di salvezza del paziente. È importante raggiungere in tempi brevi la persona in arresto cardiaco, ma è altrettanto importante attivare la defibrillazione precoce per ritardare i danni derivanti dall’anossia cerebrale.

Obiettivi Formativi: 
Il corso di propone di fornire a tutti gli operatori della sanita' nozioni per l'esecuzione di manovre rianimatorie di base anche con l'ausilio di un DAE. Questo corso ha pertanto finalita' prevalentemente pratiche al fine di consentire anche a coloro che non operano nel settore dell'urgenza di applicare le procedure di BLS con l'uso di un defibrillatore semiautomatico esterno
Programma: 

- La morte cardiaca improvvisa e la sindrome coronarica acuta: cause ed eziologia nel paziente adulto
- La catena della sopravvivenza
- Tavole e schede di riferimento per la valutazione dei parametri vitali
- Procedure pratiche di DP con DAE
- Aspetti normativi e medico legali
- Dimostrazione pratica da parte degli istruttori
- Prove pratiche a due soccorritori sulle sequenze BLS-D su manichino
- Tecniche di RCP nel paziente adulto: posizione laterale di sicurezza
- Sequenze BLS-D valutazione/azione e tecniche per la disostruzione delle vie aeree da corpo estraneo
- Prove pratiche a due soccorritori sulle sequenze BLS-D con defibrillatore semiautomatico su manichino
- Discussione e compilazione questionario

Destinatari: 

Tutte le professioni sanitarie

Durata: 

8

Quota di iscrizione: 

160,00

Il D.Lgs. 81/08 sollecita la partecipazione attiva dei preposti al fine di garantire la sicurezza sul lavoro,definendo specifici obblighi e responsabilità (art. 19) e conseguenti sanzioni (art. 56). Per meglio identificare tali figure è utile fare riferimento alle definizioni all’art. 2 comma 1 del D.Lgs.

Obiettivi Formativi: 

Il corso si propone di fornire un quadro generale sulla salute e sicurezza sul lavoro, sulle responsabilita' insite nel ruolo e i relativi obblighi di legge, sulla valutazione dei rischi e sulle indicazioni inerenti i rischi specifici dell'attivita' lavorativa. I partecipanti verranno stimolati a migliorare la conoscenza del proprio ruolo, a comprenderne i limiti, a riconoscere le implicazioni legislative di cui tenere conto, a sviluppare gli strumenti cognitivi e operativi per l'assolvimento delle proprie funzioni.

Programma: 
• Principali soggetti del sistema di prevenzione aziendale: compiti, obblighi, responsabilità
• Relazioni tra i vari soggetti interni ed esterni del sistema di prevenzione
• Definizione e individuazione dei fattori di rischio
• Incidenti e infortuni mancati
• Tecniche di comunicazione e sensibilizzazione dei lavoratori, in particolare neoassunti, somministrati,stranieri
• Valutazione dei rischi dell’azienda, con particolare riferimento al contesto in cui il preposto opera
• Individuazione misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione
• Modalità di esercizio della funzione di controllo dell’osservanza da parte dei lavoratori delle disposizioni di legge e aziendali in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro e di uso dei mezzi di protezione collettivi e individuali messi a loro disposizione
• Discussione e compilazione questionariozione questionario
Destinatari: 

Preposti per la sicurezza

Durata: 

8

Quota di iscrizione: 

120,00

Il fine di qualsiasi programma di riabilitazione deve essere quello di rendere il paziente indipendente in tutte le sue attività quotidiane e in grado, alla fine del programma di riabilitazione, di sapersi gestire in modo da utilizzare al meglio le risorse disponibili per mantenere tale livello di indipendenza funzionale per tutta la vita o comunque il più a lungo possibile.
Obiettivi Formativi: 

Il corso si propone di:
• fornire competenze in merito alla valutazione e al trattamento della deambulazione

Programma: 
• Il cammino fisiologico
• Definizione del ciclo del passo: fasi temporali e funzionali del ciclo del passo, cinematica e cinetica di ogni fase funzionale del ciclo del passo, attività elettromiografica di ogni fase del ciclo del passo
• Il cammino patologico - approccio globale
• Compensi e movimenti patologici presenti nel cammino causati dalla spasticità, dall’ipoattività muscolare, dalle retrazioni muscolo tendinee e dalle limitazioni articolari
• Il cammino patologico - utilizzo delle ortesi e degli ausili
• Utilizzo terapeutico di bastoni, canadesi, tripode, deambulatore, ortesi A.F.O., K.A.F.O.
• Stato dell’arte riguardante i sistemi di sospensione attiva (Milteco), della robotica (Lokomat)
• Prova pratica con FES - Elettrostimolazione Funzionale
• Valutazione del cammino
• Analisi strumentale e osservazionale: caratteristiche positive e limiti
• Riepilogo ed esercitazioni riguardanti la rieducazione del cammino utilizzando alcuni video
• Verifica di apprendimento: i partecipanti dovranno analizzare un filmato video di un paziente, individuare i principali pattern patologici e deficit cinetici-cinematici, pianificare strategie di recupero, valutare eventuale indicazioni ed ausili/ortesi
Destinatari: 

Fisioterapisti

Durata: 

8 ore

Quota di iscrizione: 

70,00

Specifiche norme dell’Unione Europea stabiliscono i principi generali delle radiazioni di soggetti sottoposti a esposizioni radianti per indagini di carattere medico. A tal fine è stato pubblicato in Italia il D.Lgs. 187 del 2000. I principali cardini della radioprotezione sono i seguenti:
• giustificazione dell’indagine
• ottimizzazione del punto di vista tecnico
• limitazione delle dosi.

Obiettivi Formativi: 

Il corso si propone di migliorare le conoscenze radioprotezionistiche dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica che sono coinvolti nell’impiego di radiazioni ionizzanti, al fine specifico di proteggere adeguatamente le persone sottoposte a prestazioni curative o indagini diagnostiche, individuali e collettive, che implichino l’uso di tali radiazioni.

Programma: 

• Dose al paziente in diagnostica medica
• Controlli di qualità in computed radiography
• TC multistrato: tecnologia, dose al paziente e qualità dell’immagine
• Nuova catena dell’imaging radiologico: RIS, PACS, SIO
• Pratiche radiologiche che richiedono speciale attenzione
• Fluoroscopia e fluoroscopia digitale
• Assicurazione di qualità in radioterapia
• Radioterapia e radiobiologia
• Tecniche speciali in radioterapia
• Discussione e compilazione questionario

Destinatari: 

Tecnici Sanitari di Radiologia Medica

Durata: 

8 ore

Quota di iscrizione: 

100,00

Note: 
Il D.Lgs. 187/2000 prevede un aggiornamento obbligatorio ogni 5 anni
Specifiche norme dell’Unione Europea stabiliscono i principi generali delle radiazioni di soggetti sottoposti a esposizioni radianti per indagini di carattere medico. A tal fine è stato pubblicato in Italia il D.Lgs. 187 del 2000. I principali cardini della radioprotezione sono i seguenti:
• giustificazione dell’indagine
• ottimizzazione del punto di vista tecnico
• limitazione delle dosi.
Obiettivi Formativi: 
Il corso si propone di aggiornare le conoscenze radioprotezionistiche dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica che sono coinvolti nell’impiego di radiazioni ionizzanti, al fine specifico di proteggere adeguatamente le persone sottoposte a prestazioni curative o indagini diagnostiche, individuali e collettive, che implichino l’uso di tali radiazioni.
Programma: 

• Dose al paziente in diagnostica medica
• Controlli di qualità in computed radiography
• TC multistrato: tecnologia, dose al paziente e qualità dell’immagine
• Nuova catena dell’imaging radiologico: RIS, PACS, SIO
• Pratiche radiologiche che richiedono speciale attenzione
• Fluoroscopia e fluoroscopia digitale
• Assicurazione di qualità in radioterapia
• Radioterapia e radiobiologia
• Tecniche speciali in radioterapia
• Discussione e compilazione questionario

Destinatari: 

Tecnici Sanitari di Radiologia Medica

Durata: 

8 ore

Quota di iscrizione: 

100,00

L’allenamento alla forza e alla resistenza e il recupero articolare sono ingredienti comuni nei trattamenti di recupero funzionale, sia in ambito ortopedico sia neurologico e per un fisioterapista sono la base per affrontare e comprendere qualsiasi tipo di intervento riabilitativo.
Obiettivi Formativi: 

Il corso si propone di:
• fornire competenze in merito a recupero articolare e potenziamento muscolare

Programma: 

• La biomeccanica dei tessuti biologici
• Proprietà reologiche: elasticità, viscosità, plasticità
• Comportamento elasto-plastico: definizione di stress, di strain e della curva stress/strain
• Comportamento visco-elastico: definizione di creep e stress-relaxation
• Comportamento tissutropico
• Implicazioni cliniche:
- mobilizzazione passiva
- stretching
- terapia manuale, manipolazioni
• Limitazioni articolari in ortopedia e neurologia: cause e trattamento
• I fattori determinanti la forza e la resistenza muscolare:
- biomeccanica, neurologia, architettura muscolare
• Contrazione muscolare isometrica, isotonica, isocinetica
• Le curve di forza
• Principi dell’allenamento muscolare:
- sovraccarico (sub-massimalità)
- precocità
- specificità
- permanenza dell’aumento della prestazione
• Programma dell’allenamento muscolare isometrico e isotonico:
- carichi
- numero di ripetizioni e di serie
• Allenamento muscolare isocinetico
• Allenamento muscolare pliometrico
• Integrazione funzionale e propriocettiva
• Discussione e compilazione questionario

Destinatari: 

Fisioterapisti

Durata: 

8 ore

Quota di iscrizione: 

70,00

Specifiche norme dell’Unione Europea stabiliscono i principi generali delle radiazioni di soggetti sottoposti a esposizioni radianti per indagini di carattere medico. A tal fine è stato pubblicato in Italia il D.Lgs. 187/2000. I principali cardini della radioprotezione sono i seguenti: 
• giustificazione dell’indagine
• ottimizzazione del punto di vista tecnico
• limitazione delle dosi.
Obiettivi Formativi: 
Il corso si propone di aggiornare le conoscenze radioprotezionistiche dei medici radiologi coinvolti nell’impiego di radiazioni ionizzanti, al fine specifico di proteggere adeguatamente le persone sottoposte a prestazioni curative o indagini diagnostiche, individuali e collettive, che implichino l’uso di tali radiazioni.
Programma: 
• Normative di radioprotezione
• Giustificazione disposizione individuale
• Consenso informato
• Utilizzo appropriato di precedenti informazioni cliniche e tecniche alternative
• Gravidanza potenziale e in atto
• Neonati e infanzia
• Ricerca medica e biomedica
• Attività di screening
• Tecniche che implicano l’impiego di alte dosi
• Definizione di utilizzo degli LDR
• Discussione e compilazione questionario
Destinatari: 

Medici radiologi

Durata: 

8 ore

Quota di iscrizione: 

120,00

Condividi contenuti